I periodi toniano e criogenico insieme vanno dal 1000 al c. 635,5 Ma e sono attualmente suddivisi cronometricamente a 720 Ma. I primi Tonian seguito l ” amalgama del supercontinente Rodinia ed è un momento per il quale la stratigrafica, chemostratigrafico, e reperti fossili è relativamente scarsa e scarsamente datato. L’inizio di bacini intracratonici su molti cratoni c. 850 Ma, mentre Rodinia era ancora intatta, è responsabile di un record tardo toniano molto più ricco. Questo record conserva prove per la diversificazione eucariotica e la prima marcata anomalia isotopica negativa del carbonio documentata nel Neoproterozoico—l’anomalia di Bitter Springs. Gran parte della seconda metà del periodo Toniano è caratterizzata da alti valori di isotopi di carbonio (δ13C di carbonato >5‰), ma studi recenti indicano che almeno una e probabilmente due escursioni δ13C negative profonde si sono verificate dopo c. 740 Ma, quest’ultima immediatamente precedente l’inizio della glaciazione criogenica. Questa glaciazione sembra aver iniziato a livello globale a c. 717 Ma, sulla base di coerente, di alta precisione U–Pb zircone età da più successioni sedimentarie. Queste età sosterranno la definizione formale della Sezione Stratotipo globale e Punto per la base del Sistema criogenico. Questa prima glaciazione criogenica, comunemente chiamata glaciazione sturziana, fu longeva, terminando c. 660 Ma. Poiché la seconda e più breve glaciazione tardiva criogeniana (cioè Marinoan) è nota per essere iniziata prima del 639 Ma e terminata c. 635.5 Ma, l’intervallo nonglaciale criogeniano deve essere stato relativamente breve (c. 20 Myr). Tuttavia, questo intervallo è ben rappresentato su molti cratoni, dovuto in parte alla formazione di bacini di rift diffusi e margini passivi quando Rodinia ha iniziato a rompersi. Sebbene i dati dell’orologio molecolare e del biomarcatore suggeriscano che i primi animali erano apparsi a questo punto, non sono stati recuperati fossili metazoici inequivocabili da strati criogenici, che mostrano una bassa diversità fossile complessiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.