Uno dei temi principali in “The Green Mile” è la morte. Incapsula l’intero romanzo, lasciando il lettore a pensare profondamente al loro destino. È un tema ovvio, considerando che la storia si svolge nel braccio della morte. Tuttavia, ulteriori analisi rivelano un significato più profondo rispetto agli uomini che muoiono sulla sedia elettrica per i loro crimini. “E penso a tutti noi. Camminando il nostro miglio verde; ognuno nel nostro tempo.”(Pg 434) Paolo disse. Il lettore scoprirà che il Miglio Verde stesso è una metafora della morte. Paul ha paragonato la vita al Miglio verde alla vita per un cittadino libero, perché entrambi gli stili di vita finiranno allo stesso modo. La morte è inevitabile. Per i prigionieri, hanno un determinato numero di giorni fino alla loro esecuzione, quindi il loro “Miglio verde” è relativamente breve. Un cittadino libero è incerto sul momento della loro morte, alcune persone non ci pensano nemmeno, come se vivessero per sempre. Ma quando arriva il giorno della resa dei conti, sia il prigioniero che il libero cittadino affrontano la stessa sorte. La vita è incerta-tutto può accadere nella vita – ma la morte, tuttavia, non lo è. Si deve vivere una vita giusta, così si può morire una morte giusta. Nessuno vuole avere lo stesso destino di un prigioniero a E-Block e vivere la vita di rimpianto, miseria e disperazione.Un altro tema in “The Green Mile” è la pena di morte, e la controversia che viene con esso. Paul ha mostrato la sua confusione con la frase ” Ho fatto alcune cose nella mia vita di cui non sono orgoglioso, ma questa è la prima volta che mi sono mai sentito in pericolo reale dell’inferno.”(Pg 457) A questo punto del libro, Paul, Harry e Brutal tutti sapevano che John era innocente. Aveva guarito l’infezione del tratto urinario di Paul, rianimato il sig. Jingles, e guarito Melinda del suo tumore al cervello. Paul ha anche scoperto che Bill Wharton ha commesso il crimine, non John. Th…… mezzo di carta ……w, morte agonizzante. Percy è un antagonista formidabile per una ragione: le sue connessioni politiche. È imparentato con il governatore di stato, permettendogli di fare quello che vuole senza ripercussioni. Paul avrebbe potuto trattare con lui dopo la brutale esecuzione di Del per impulso e rabbia, ma in qualche modo si è trattenuto. Forse sapeva più del lettore, forse sapeva che Percy avrebbe affrontato il karma alla fine. Se avesse agito, avrebbe potuto far licenziare Percy. C’erano molti testimoni all’esecuzione, abbastanza da essere dalla parte di Paolo. Se Paul si fosse sbarazzato di Percy prima dell’esecuzione di Del, la vita sarebbe andata molto più liscia. Del non avrebbe sofferto tanto, e i testimoni non sarebbero stati disturbati. Paul e le altre guardie avrebbero dovuto prendere l’iniziativa e trattare con Percy nel lungo periodo prima che lui ha ottenuto fuori controllo.Opere Citategreen mile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.